Newsletter 20 Novembre 2020 Scarica Immuni

Coopersalute Newsletter 20 Novembre 2020

CONTRASTIAMO INSIEME LA DIFFUSIONE DEL VIRUS.

SCARICHIAMO L’APP IMMUNI.

L’epidemia corre veloce e l’unica vera difesa che abbiamo oggi contro il COVID-19 è assumere un comportamento responsabile.

Alle 3 regole d’oro che ormai sono entrate nel nostro quotidiano, cioè il lavaggio delle mani, l’utilizzo costante della mascherina e il distanziamento fisico per evitare assembramenti – è arrivato il momento di aggiungere un’altra buona pratica: scaricare l’app Immuni, per proteggerci e proteggere gli altri.

Gli utenti che vengono avvertiti dall’app di un possibile contagio possono isolarsi per evitare di contagiare altri, rivolgersi al medico generale e attivare la prassi per gli opportuni controlli. Così facendo, aiutano a contenere l’epidemia, tutelando nel frattempo la salute di chi gli sta vicino e favorendo un rapido ritorno alla normalità.

COME FUNZIONA IMMUNI

Basta effettuare il download dell’app https://www.immuni.italia.it/download.html e una volta installata cliccare su consenti quando viene chiesto di “abilitare le notifiche di esposizione al Covid-19″.

Il nostro compito è finito. Adesso tocca all’app Immuni.

Immuni infatti agisce in background, sfruttando la tecnologia Bluetooth Low Energy, questo avviene senza raccogliere dati sull’identità o la posizione dell’utente.
Questo significa che non utilizza dati di geolocalizzazione di alcun genere, inclusi quelli del GPS, tutelando la nostra privacy. Il tracciamento avviene per codici casuali
e non contengono alcuna informazione sul dispositivo o l’utente. Inoltre, cambiano diverse volte ogni ora, in modo da proteggere ulteriormente la privacy di ogni utente.

Quando due utenti che hanno scaricato l’app s’incontrano, i loro smartphone si scambiano i codici e li registrano nella propria memoria, tenendo così traccia di quel contatto. Registrano anche quanto è durato il contatto e la potenza del segnale ricevuto, indicatore approssimativo della distanza tra i due smartphone.

Se, in un momento successivo uno dei due utenti dovesse risultare positivo, segnalando la propria positività a Immuni e condividendo i propri codici casuali, permetterà all’app di controllare durata e distanza dei contatti, avvertendo le persone considerate a rischio.

I dati, raccolti e gestiti dal Ministero della Salute e da soggetti pubblici, sono salvati
su server che si trovano in Italia. I dati e le connessioni dell’app con il server sono protetti.

Più utenti scaricano l’app Immuni, più grande sarà la barriera virtuale che potremo creare contro il virus.

Al 15 novembre risultano 9.821.468 download effettuati, 76.687 notifiche inviate di possibile esposizione al rischio, 4.155 utenti positivi tracciati.
Come Fondo Coopersalute invitiamo tutti i nostri Iscritti a utilizzarla e sensibilizzare i propri conoscenti a farlo, diventiamo Immuni, scarichiamo l’app!

 

AIUTA TE STESSO, LA TUA FAMIGLIA E IL TUO PAESE
FACCIAMO TUTTI LA NOSTRA PARTE PER LA SALUTE DI TUTTI